Intro (di Matteo Cereda)

La gestione dello zafferaneto

Arriviamo a un capitolo molto eterogeneo, che contiene tutti quei vari accorgimenti e cure da attuare durante l'anno. Come irrigazione, concimazione, consociazioni.

In questo contesto emerge prepotentemente il tema della gestione delle piante infestanti.

Tolti i picchi di lavoro in epoche particolari (impianto, espianto e raccolta) il controllo delle infestanti è considerato il maggior lavoro del coltivatore di zafferano.

Le specie spontanee infatti possono rivelarsi una grande croce: data la sua conformazione strisciante, la nostra pianta di crocus sativus può patire la competizione con altre piante più esuberanti e questo obbliga a lunghi interventi manuali.

Qui Dario ci offre una chiave inaspettata: le erbe si possono selezionare e con alcune convivere risulta addirittura positivo.

Nell'ottica di dare un ventaglio di possibilità parleremo anche di altri metodi: pacciamatura, pirodiserbo, impiego di sarchiatori.

Parlando di pacciamature e consociazioni, la spiegazione delle esperienze nostre termina con l'invito a sperimentare. Questo corso è frutto di esperienza di campo, durata diversi anni e arricchita dal confronto con tanti coltivatori.

Molto è stato sperimentato, ma moltissimo è ancora da sperimentare.



Domande e commenti

0 commenti